Vasco Brondi

 
Le luci della centrale elettrica è il nome del progetto artistico/musicale di Vasco Brondi, nato nel 1984 e cresciuto tra Ferrara e l’Emilia, le cui prime canzoni trovano una forma e una collocazione iniziale nell’omonimo demo autoprodotto nel 2007 distribuito dall’artista direttamente ai concerti. In una cittadina, Ferrara, in cui è difficile non conoscersi e impossibile non incontrarsi, la strada di Vasco Brondi incrocia quella di Giorgio Canali, chitarra disturbata dei CSI e musicista sui generis, ruvido e radicale nell’approccio. Nasce così “Canzoni da spiaggia deturpata”, che riceve il Premio Tenco nella categoria “Migliore opera prima”. Nuove canzoni prendono forma e confluiscono nel secondo album, “Per ora noi la chiameremo felicità” (2010), a cui segue un tour che dura quasi un anno e mezzo, impreziosito da alcune importanti esperienze, come quella che vede Vasco Brondi aprire nel 2011 i concerti del tour di “Ora” di Lorenzo Cherubini Jovanotti.
“Costellazioni” è il titolo del terzo lavoro di studio de le luci della centrale elettrica, pubblicato il 4 marzo 2014 con un artwork realizzato da un altro grande artista visuale come Gianluigi Toccafondo. Nel 2015 firma con Lorenzo Jovanotti il brano “L’estate addosso” che diventa il brano più trasmesso dalle radio nell’estate dello stesso anno. Ad aprile del 2016 viene pubblicato dalla neonata casa editrice “La Nave di Teseo” il libro “Anime galleggianti, dalla pianura al mare passando per i campi", scritto con Massimo Zamboni. Il nuovo album, "Terrra", viene pubblicato nel marzo del 2017: l’album è stato votato tra i migliori dischi dell’anno nel referendum del periodico del Sole24Ore “IL” mentre la canzone “Chakra” è stata votata dal sito rockit.it la seconda canzone italiana più bella del 2017.
 
domenica 11 novembre
h. 21:00, Cinema Teatro Massimo
Le luci della centrale elettrica
Vasco Brondi
 


- Il programma può essere soggetto a variazioni -
 
SPONSOR & PARTNER
 
 

#FLA FESTIVAL DI LIBRI E ALTRECOSE

8/11 novembre 2018