David Ferrante

L’Ammidia
Di un mondo di storie, credenze, usi che non si intende riproporre come puro folklore, ma come testimonianza di una cultura viva, spesso ridotta a subcultura da logiche di potere e stereotipi sociali. È il caso delle streghe e delle magare, donne che solo ricerche pazienti e la potenza dell’immaginazione hanno potuto sottrarre all’oblio.

David Ferrante
L’Ammidia
giovedì 7 novembre
ore 16:00
Museo del Gusto - Museo delle Genti

INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI
Sarà garantito l'ingresso e l’accesso prioritario a chi possiede il Fullpass: maggiori informazioni a questo link.




BIO
David Ferrante, sociologo e saggista. Dottore di ricerca in Scienze sociali presso l’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara dove, dal 2006, è cultore della materia e ha collaborato negli anni all’attività di diverse cattedre. Ha all’attivo varie pubblicazioni tra le quali le monografie No-Politicians. I giovani e la politica (Tabula fati, 2005) e Decoro Urbano. Sicurezza e Polizia locale (Tabula fati, 2010). Tra i suoi scritti dedicati all’Abruzzo, i due racconti Quando passò la pandafeche e L’eredità dell’asino. Il primo, contenuto nella raccolta curata da Rita La Rovere, Raccontami l’Abruzzo (Tabula fati, 2017), descrive l’incubo dell’incontro con questo mito della tradizione abruzzese: la pandàfeche. Il secondo breve racconto è un omaggio al poeta dialettale Modesto della Porta (1885-1938) all’interno del libro collettaneo Quando i sogni muoiono all’alba (Tabula fati, 2018), a cura di Enrico Rulli. Nel 2018 ha pubblicato San Giovanni Battista nella cultura popolare abruzzese. Tradizioni, riti e sortilegi del 24 giugno (Tabula fati) finalista per la saggistica al Premio dell’Editoria Abruzzese 2018.
Nel 2019 é curatore dell'antologia L'Ammidia. Storie di Streghe d'Abruzzo.

Fiorella Borin, Maria Elena Cialente, Marina Ciancetta, Rosetta Clissa, Adriana Comaschi, Daniela D’Alimonte, Gabriele Di Camillo, Valentino Di Persio, Carla Dolazza, David Ferrante, Mariaester Graziano, Cristina Mosca, Anna Maria Pierdomenico, Gino Primavera, Flora Amelia Suárez Cárdenas. Patrizia Tocci, Lucia Vaccarella.
 


- Il programma può essere soggetto a variazioni -