Marco Pastonesi

Coppi ultimo

con Mark Karaci, Niccolò Maria Santi e Alessandro Ricci
Il 2 gennaio 1960, nell’ospedale civile di Tortona, si spegne il più grande sportivo italiano del Novecento, «forse il più grande di sempre», ucciso a quarant’anni da una malaria non diagnosticata e divampata in un corpo usurato da troppe fatiche. Dell’epopea di Fausto Coppi, della sua rivalità con Bartali, della prigionia e degli scandali si sa tutto, o quasi. Ma il Coppi meno conosciuto, meno raccontato, è proprio quello del 1959. È il suo ultimo anno di uomo e campione, di industriale e manager. Una giostra di ingaggi, passerelle, sconfitte. Un lungo, frenetico addio al mondo del ciclismo, ma anche un silenzioso addio alle mogli, ai figli, ai tifosi, alla gente e alle case di Castellania, «una muta punteggiatura del paesaggio e dell’umanità». L’ultima Roubaix, l’ultimo Baracchi, l’ultimo Tour – non disputato, ma vinto dal suo discepolo migliore –, fino a quell’ultimo viaggio, inatteso e fatale, nell’Alto Volta. Un Coppi stremato, esaurito, sfinito eppure ancora curioso, incapace di scendere dalla bici, dove continua a esibirsi con uno stile impeccabile – una perfetta fusione di «muscoli e telaio» –, portando a spasso la propria leggenda a due ruote. Un Coppi inedito, raccontato in mille storie minime ed esemplari – un mito, tutt’altro che ultimo.

Marco Pastonesi
Coppi ultimo
con Mark Karaci, Niccolò Maria Santi e Alessandro Ricci
sabato 9 novembre
ore 19:30
Sala Favetta - Museo delle Genti

A cura di


INGRESSO LIBERO FINO AD ESAURIMENTO POSTI
Sarà garantito l'ingresso e l’accesso prioritario a chi possiede il Fullpass: maggiori informazioni a questo link.




BIO
Marco Pastonesi, ha scritto per ventiquattro anni per la Gazzetta dello Sport. Si divide tra due passioni: il rugby e il ciclismo. Per Ediciclo ha pubblicato: Gli angeli di Coppi (1999), Il diario del gregario (2004), La corsa più pazza del mondo (2007), I diavoli di Bartali (2016), La leggenda delle strade bianche (2017); ha curato Girardengo (2005) e Cavanna (2006). Nel 2011 ha curato, con Fernanda Pessolano, Attenzione ciclisti in giro, vincitore del Premio Coni; nel 2014 ha affiancato Alfredo Martini nella scrittura dell’autobiografia La vita è una ruota. Suoi libri sono inoltre Pantani era un dio e Coppi ultimo (entrambi per 66thand2nd).

ALTRI APPUNTAMENTI DELLA SEZIONE: L'uomo in più

Fabio Caressa
Sono tutte finali, la vita è una partita che tutti possono vincere
venerdì 8 novembre
Spazio Matta, ore 17:00
 
Piero Trellini
La partita
Il romanzo di Italia-Brasile
venerdì 8 novembre
Bagno Borbonico - Museo delle Genti, ore 18:00
 
 


- Il programma può essere soggetto a variazioni -