fbpx

FLA 2021

MASSIMO IVAN FALSETTA - MARCO POSATA

La Tripla (Rossini Editore, 2021)

giovedì 18 novembre 2021
ore 15:00
Circolo Aternino – Sala Verde (piano terra)

Negli anni settanta, ai tempi della radio, Carlo Maria era un ragioniere appena diplomato che si occupava di un programma radiofonico di dediche. Si era improvvisato speaker per avere successo con le ragazze. Annibale metteva la musica, per lo più straniera, rock e pop, era considerato un vero innovatore e un figo. La radio trasmetteva dalla vecchia sezione del PCI. L’aveva messa su proprio il giovane Annibale, elettrotecnico, che, con pochi pezzi di una radio militare procurata dal “compagno segretario” e un rudimentale traliccio di ferro dove aveva saldato delle griglie di quelle per fare la brace, irradiava da Krita, paese desertico e argilloso sulla costa ionica calabrese, fino a qualche paese vicino. Non era mai interessato il colore politico a Carlo Maria, amante della topa, fino al giorno in cui il presidente Andreotti, di passaggio tra quelle terre, gli chiese: “Ma tu, ragazzo, cosa voti?” e lui rispose: “Presidè, per indovinare il mio voto ci vuole la tripla”. Si riferisce al sistema del totocalcio con cui si scommette su una partita barrando tutti e tre i segni: 1 X 2. Da allora trenta anni di DC e derivati, fino ad oggi: si vota e lui è il candidato sindaco favorito. Annibale, dai tempi della “cazzata”, quando incendiò l’auto dell’ispettore della SIAE (un fascista della zona che minacciava di chiudere la radio), non ha mai votato per Carlo Maria. Oggi non se la passa bene e, pressato da sua moglie Gigliola, che allora frequentava la radio, e per il bene del fratello Brando che vive con loro, decide di accettare una proposta da parte del democristiano, vendendo di fatto la sua storia e la sua dignità. Risorge Radio Magaria ma un’inaspettata ispezione, mandata da un misterioso nemico, minaccia di farla chiudere di nuovo, di fatto rovinando Annibale. C’è solo un modo per salvarla: Brando, balbuziente, deve diventare uno speaker. Il suo maestro è una vecchia gloria fallita del passato, il cantante Ramon Profumo, all’anagrafe Raimondo Puzzofeto di Napoli, di 2 transito in paese per il matrimonio di un mafiosetto locale. Passato e presente si fondono tra storie di corna, ambizione e sentimenti forti fino al giorno fatidico dell’ispezione, dove tutti faranno i conti con la propria coscienza.

Massimo Ivan Falsetta (1978) Inizia facendo pratica su alcuni set cinematografici e pubblicitari, osservando in azione registi del calibro di Giuseppe Tornatore (spot dolce e gabbana parfums e Sicily).
Entra, con contratto da collaboratore esterno, al Centro Sperimentale di Cinematografia dove lavora come aiuto regista e partecipa a numerosi progetti di altri allievi della scuola, in una collaborazione attiva che si protrae per oltre un anno.
Dopo diversi cortometraggi e videoclip girati tra il 2004 e il 2008 , a Febbraio 2008 presenta Pioggia a Pois, nell’ambito del festival della Sapienza di Roma “ Tulipani di Seta nera” , dove è uno degli ideatori e presidente di una prestigiosa giuria composta dal Magnifico rettore Guerini, Il prof. Morcellini ( preside Scienze della Comunicazione), gli attori Luca Ward, Andrea Roncato, Giada Desideri e Rita del Piano per citarne alcuni, lavoro girato nell’anno precedente che gli è valso la partecipazione allo Short Film Corner di Cannes 2008, al Circuito Off di Venezia e la fase finale del festival I’Ve Seen di Rutger Hauer di Los Angeles, oltre a essere in concorso e a prova di giudizio in numerosi festival nazionali e internazionali.
Nel 2009 è ideatore e direttore artistico del Sila Festival – mostra di cinema eco ambientale e della terra d’origine. Nei tre giorni di cinema e musica sono stati presenti inoltre attori del calibro di Raul Bova e Franco Nero, il regista Calopresti e musicisti quali Eugenio Bennato e gli Almamegretta.
Nel 2009 lavora in tour con Eugenio Bennato il quale gli commissiona le riprese per un documentario sul Kaulonia Tarantella Festival e la taranta.
Nel 2010 gira Calibro 10 – il decalogo del crimine, lungometraggio Pulp sui dieci comandamenti di Cosa Nostra, nel cast spicca l’attore Franco Nero.
Nel 2013 gira il lungometraggio Onde Road, con la colonna sonora dei Rockets e la partecipazione di Federico L’olandese Volante, Awanagana, Battaglia e Miseferi, Fabrice Quagliotti.
Per i Rockets gira “Party Queen” distribuito da Warner Bros su tutti i canali ufficiali dell’etichetta.
Nel 2015 esce in sala con Onde Road, recensito positivamente da stampa e critica nazionale. A Parigi nell’ Ottobre 2015 fa sold out con la proiezione del film Onde Road presso il Cinema du Pantheon in un evento organizzato dal prof. Paolo Modugno della Sorbona.
Sempre nel 2015 firma la coregia di “Terre di Musica” documentario sui beni confiscati alla mafia assieme a Salvatore De Siena de “Il Parto delle Nuvole Pesanti”.
Ad Aprile 2017 ha realizzato lo spot nazionale per Susan Komen Italia & Policlinico Gemelli dal titolo “siamo sospese ma sappiamo volare” dedicato a tutte le donne che lottano contro il tumore al seno.
Attualmente ha ultimato il suo primo romanzo dal titolo “La Tripla”.
A Giugno 2018 gira “Virgo – i piedi freddi delle donne” con Roberto Herlitzka e Anna Falchi. (cortometraggio drammatico durata 15 minuti e 25 minuti)
Nel 2019 Presenta Virgo in diverse proiezioni a Roma e gira “Eclettico” un fashion film per Ascèt della durata di 5 minuti con relativo spot pubblicitario.
Con entrambi vince importanti festival mondiali come il Chicago Fashion film Festival.
È il regista italiano tra i più premiati nel 2020.
Nel 2021 Gira il fashion film SIRMOORE per lo stilista Brando Bizzotto.
Nel 2021 gira “L’Ultimo Stop” film breve con protagonista Neri Marcorè, nel cast anche Euridice Axen, Lucia Batassa, Costantino Comito, Alla Krasovitzkaya.

Nato a Guardiagrele nel 1991, Marco Posata comincia a scrivere poesie dalle elementari raccogliendo anche qualche piccolo premio scolastico locale. Amante di Dante è durante le superiori che mette nero su bianco un poema di tre odi da 17 terzine l’uno in endecasillabi danteschi in rima concatenata. Durante gli anni successivi però si convince sempre più di voler scrivere un romanzo e una mattina si è svegliato e la storia era impressa perfettamente nella sua mente. Tutto era lì nitido scolpito, personaggi, parole, luoghi. Ogni particolare era al suo posto. Era il dicembre del 2014.
“Scrivere per me è come suonare il pianoforte. Mi metto li e come se avessi il testo già pronto lo trascrivo parola dopo parola”. Marco Posata
Nel giugno del 2019 Esce il suo primo romanzo : E da una lacrima… La felicità ricevendo diversi apprezzamenti dalla critica.
La quarta porta la celebre di Alessandro Quasimodo, figlio del noto premio Nobel Salvatore.
A luglio del 2021 torna di nuovo in libreria collaborando con il regista pluri premiato Massimo Ivan Falsetta.
Anche questa volta le firme di prefazione e quarta sono di rilievo. In ordine: Federico L’Olandese Volante e Neri Marcorè.

*** Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

INDICAZIONI PER PARTECIPARE AGLI EVENTI
- Dove non sia diversamente specificato non occorre prenotare; l'accesso in sala sarà consentito fino al raggiungimento del numero massimo di posti.
- Per partecipare agli eventi in cui esiste un sistema di prenotazione online è consigliabile effettuare la prenotazione e munirsi del tagliando (anche digitale) da esibire all'ingresso unitamente al greenpass valido. Solo in caso di posti ancora disponibili sarà consentito l'accesso anche senza titolo di prenotazione.
- Si raccomanda di seguire scrupolosamente le indicazioni qui riportate e quanto verrà comunicato dal nostro personale o dai volontari in sede di evento.

MISURE CONTENIMENTO COVID–19
- È obbligatorio l'uso della mascherina per tutta la durata dell'incontro.
- È necessario esibire Green Pass in corso di validità.
- L'accesso in sala è consentito fino a 15 minuti prima dell'inizio dell'evento

Iscriviti adesso alla newsletter del FLA per essere sempre aggiornato su tutte le novità e le iniziative del Festival!